Archivi tag: Pechino

Primo ottobre 2009: la Cina festeggia la Repubblica Popolare

Quando quasi sessant’anni fa Mao Zedong, dalla balconata della Porta della Pace Celeste (Tian’anmen) di Pechino, proclamava trionfalmente la nascita della Repubblica Popolare Cinese, la Cina era uno dei paesi più poveri ed arretrati al mondo.
Era il I° ottobre del 1949 ed il popolo cinese usciva da una serie di conflitti combattuti sul proprio territorio da oltre cent’anni: le due guerre dell’oppio contro gli inglesi, la guerra sino-francese, la caduta dell’Impero e la Prima Repubblica di Sun Yat-sen, invasioni giapponesi, scontri al confine con la Russia, guerre civili. Una scia di sangue e fame che si sarebbe protratta ben oltre gli anni ’50, vittima delle follie autoritarie di Mao Zedong e della rabbia cieca delle Guardie Rosse che avrebbero messo a ferro e fuoco gran parte dei resti di una cultura millenaria unica nella storia del mondo.
A vederla oggi la Cina, dopo sessant’anni, tra i grattacieli ultramoderni di Pechino e Shanghai, avvolta nelle nubi giallognole del progresso, si riesce ad avere una vaga idea del miracolo economico compiuto in così poco tempo.
Dal 1978, quando il reintegrato Deng Xiaoping promulgò la svolta delle riforme economiche, la Cina è passata da sovrappopolato paese del terzo mondo a prima potenza economica del pianeta; dalla fame e dalle carestie che falcidiavano il proletariato agricolo (ancora oggi la maggior parte del miliardo e trecento milioni di abitanti censiti), al seggio al WTO per guidare i grandi della terra attraverso le insidie dell’economia globale.
E’ un miracolo che ha il sapore del riscatto, e il Partito Comunista Cinese, che nell’ordinamento dittatoriale della Repubblica coincide perfettamente col governo, ha deciso di fare le cose in grande.
Da settimane Pechino è in stato di fibrillazione pre-cerimonia: le principali arterie stradali della capitale sono presidiate da 10.000 soldati dell’Esercito di Liberazione, ai quali si aggiungono altri 800.000 volontari civili col compito di salvaguardare la sicurezza dei festeggiamenti.
In Piazza Tian’anmen, dove si svolgerà la parata dei corpi militari cinesi “oramai all’avanguardia col resto dei paesi del mondo” secondo il ministro della Difesa, è in vigore il divieto di volo: vietato qualsiasi oggetto volante non previsto dalle autorità, dagli aquiloni ai pochi piccioni non ancora catturati e rinchiusi temporaneamente in apposite gabbie (se ne contano a decine di migliaia), tenuti alla larga dal centro della capitale da 14 falchi addestrati ad hoc dai corpi speciali dell’aviazione cinese.
La follia maniacale del cerimonialismo orientale imporrà anche ai 5000 soldati coinvolti nella sfilata delle regole al limite del disumano: suddivisi in gruppi rispetto alla loro altezza (la disparità non dovrà superare i 6 cm), oltre a muoversi in perfetta sincronia, dovranno stare attenti a sbattere le ciglia precisamente ogni 40 secondi. Dopo le innumerevoli ore di addestramento per le tre ore di parata, non sono ammessi errori. Tutto dovrà essere perfetto, come alle Olimpiadi dello scorso anno.
Nemmeno alla natura sarà permesso di fare il suo regolare corso . L’aviazione cinese, pratica già in uso prima di Pechino 2008, ha già provveduto a disinnescare nell’aria degli ordigni speciali per raddensare le nuvole, causando dei temporali che assicureranno matematicamente per la giornata del primo ottobre cielo terso e sole raggiante.
Onde evitare spiacevoli inconvenienti, ai turisti occidentali è stato interdetto l’ingresso nel Tibet, mentre i 187.000 spettatori che avranno l’onore di presenziare alle celebrazioni di Pechino sono stati selezionati dopo un’ispezione politico-ideologica.
Mancano poche ore all’inizio dei festeggiamenti, e il mondo ha puntato i riflettori sul Gigante Asiatico.
Il futuro dell’economia mondiale, della libertà di opinione, dei diritti civili e di tutti noi, volenti o nolenti, non può che decidersi proprio in Cina.

Lascia un commento

Archiviato in Cineserie

Ancora Vivo

Un aggiornamento veloce: dopo il primo e unico pezzo finora sono sparito, causa preparazione esami (passati tutti più che dignitosamente). Mentre Berlusconi e la Lega vincono le elezioni, io sono vivo, sto bene, mi sono fatto un tatuaggio e son anche ingrassato. Alla faccia del PdL.

2 commenti

Archiviato in Dintorni

Terra di mezzo

La difficoltà dello scrivere di un paese come la Cina dopo soli dieci giorni non sta tanto nella mancanza di tempo e di esperienza, quanto nel bombardamento continuo di particolarità e contraddizioni che una popolazione così numerosa è in grado di sbatterti in viso.
Lo sgomento dei primi giorni, quando volenti o nolenti si prende coscienza che in Cina noi stranieri siamo una minoranza schiacciante (con tutti i nostri usi e lasciti culturali al seguito), è stato presto sostituito da una voglia smodata di osservare e cercare di capire quello che ci circonda: sembra di essere tornati bambini in un certo senso, quando ci si regge in piedi per la prima volta e si capisce che “si può fare”.

La filosofia del “si può fare” è probabilmente l’unica via sicura per vivere bene, in particolare in Cina, dove è importante togliersi da davanti gli occhi lo spettro europeo col quale filtriamo tutto ciò che viviamo e immedesimarsi il più possibile.
Quando camminando per gli Hutong (originariamente quartieri adiacenti alle residenze imperiali destinati ai funzionari di corte, oggi fatiscenti casupole abitate dagli strati sociali più bassi) si vede una signora sulla settantina togliersi pantaloni e mutande e pisciare in mezzo al marciapede, mentre tu passi a pochi metri di distanza, non è facile, ma la Cina è questo: una donna piscia per strada e cento metri più avanti si visita la Residenza del Principe Gong; un gruppo di vecchietti sdentati con un vago odore di alcol gioca a carte in mezzo al marciapiede, ma parlandoci citano a memoria le massime di Mao Tse Tung; al ristorante si spendono in media il corrispettivo di due euro, ma i cocktail nei locali costano fino a 40 yuan…un’occidentale ci mangia fuori almeno due volte con quella cifra, un cinese probabilmente darebbe da mangiare alla sua famiglia per due o tre giorni.

I ritmi unversitari sono molto cinesi, quindi il tempo per scrivere non è molto, in più ho problemi di connessione quindi ogni mio intervento sarà pubblicato dall’Italia con l’ausilio di uno dei miei fratelli, abbiate pazienza.
Sto comunque prendendo appunti giornalieri e spero, una volta abituato alle giornate scandite dal nescafè annacquato e nuovi ideogrammi, di poter scrivere con costanza.
Sarà importante dividere tutto per argomenti, quindi si accettano richieste specifiche.

3 commenti

Archiviato in Cineserie