Archivi tag: Obama

La nuova guerra fredda

 

 

Ora è tutto più chiaro. La redenzione di Google, la minaccia di abbandonare il mercato cinese e la voce grossa sulla libertà d’ informazione e la privacy degli utenti erano tutti elementi di un solo grande piano, architettato agli inizi di quest’anno.
Smistando le migliaia di reazioni al post dell’11 gennaio di David Drummond, A new approach to China, accolto a ragion veduta come una ferma condanna alla censura ed allo spionaggio industriale cinese, la Reuters segnalava che, solo una settimana prima, il Segretario di stato Hillary Clinton aveva incontrato i top manager delle corporation americane, tra le quali spiccavano i nomi di Google, Twitter, Cisco e Microsoft.
Degli esperti di marketing come i dirigenti di Google non si sarebbero mai esposti così nettamente, ed apparentemente senza un ritorno economico consistente, se non avessero incassato delle garanzie dalle istituzioni. Noi ci mettiamo la faccia, ma voi ci dovete appoggiare. Detto, fatto.
Il 22 gennaio Hillary Clinton pronuncia al Newseum journalism museum di Washington un discorso sulla libertà di internet che in molti hanno definito epocale. Wen Yunchao, un blogger di Guangzhou, l’ha paragonato al discorso della Cortina di Ferro di Churchill.
Invitando a più riprese i Paesi che attuano un controllo del flusso di informazioni online a rinunciare alla censura e preannunciando una nuova campagna per la libertà di internet ne mondo,  la Clinton ha fatto espressamente riferimento al caso Google-Cina, auspicando una maggiore efficacia di Pechino nell’arginare l’azione illegale degli hacker cinesi.
Accuse rispedite immediatamente al mittente: Ma Zhaoxu, portavoce del ministero degli Esteri, ha bollato le accuse del segretario di stato americano come “molto distanti dalla realtà dei fatti”. “La costituzione cinese – ha dichiarato Ma – protegge il diritto di espressione dei suoi cittadini, ed è intenzione del governo promuovere lo sviluppo di internet nella nazione”. Sono dichiarazioni assurde per chi conosce lo stato dell’informazione all’interno dei confini della Repubblica Popolare, ma tanto basta per ribadire un concetto particolarmente caro alle autorità cinesi: la non interferenza negli affari interni.
Quello degli americani è un attacco retorico pianificato ed accurato, frutto di un’amministrazione Obama che conosce bene i cinesi, e sa dove e come attaccarli: oltre all’interferenza nella politica interna, i cinesi malsopportano anche perdere pubblicamente la faccia. La politica, come le relazioni umane, in Cina è fortemente regolata da un codice comportamentale mite e moderato, inteso interamente a preservare l’immagine che diamo agli altri, a non perdere la faccia (diu mianzi, in cinese). Più che l’essere, il politico cinese punta all’apparire sempre calmo, riflessivo, paziente, umile e rispettoso.
L’accusa lanciata sul web da David Drummond, e rimbalzata nel giro di pochi minuti sui giornali di tutto il mondo, aveva precisamente quell’obiettivo: innervosire Pechino facendogli perdere la faccia davanti all’opinione pubblica mondiale.
Non a caso Eric Schmidt, direttore generale di Google, si è affrettato a chiarire al Financial Times che Google non vuole ritirarsi dal mercato cinese.
Google ha solo avuto ruolo di  preparare il campo per la nuova guerra fredda: la Cina, che ha saputo registrare un incremento dell’8,7% del PIL in un 2009 catastrofico per l’economia mondiale, è una potenza mondiale immune alle moderne armi del mercato globale.
La speranza degli Stati Uniti è che, sbriciolando dall’interno il Great Firewall cinese, si riesca ad aprire un potenziale mercato interno alla Repubblica Popolare dove poter registrare profitti non più frenati dalle leggi dittatoriali cinesi, e magari fomentare un dissenso organizzato per far incespicare il gigante.
Un gigante che esce quasi indenne dalla crisi economica, continua ad assicurarsi il controllo delle risorse energetiche (la scorsa settimana si è aggiudicato il controllo di un bacino petrolifero in Nigeria) e naviga nelle dolci acque territoriali garantite dalla censura e dal regime.
Per questo sarebbe opportuno frenare facili euforie: gli Stati Uniti non stanno combattendo una guerra contro la censura, non vogliono salvare i cinesi.
Vogliono, semplicemente, salvare loro stessi.

5 commenti

Archiviato in Cineserie

Cina: prove generali di soft control

L’onda viola che il 5 dicembre ha invaso le strade di Roma per il No Berlusconi Day ha fatto notizia anche in Cina. L’agenzia di stampa Xinhua, due giorni dopo, ha pubblicato un articolo citando le centinaia di migliaia di persone scese in piazza contro Berlusconi. Segue un elenco dettagliato delle ultime vicende del premier, dagli scandali sessuali al lodo Alfano, dal caso Mills alle recenti accuse del pentito Spatuzza.
In Cina la piaga della corruzione e della concussione con le mafie orientali ha coinvolto e continua a coinvolgere le istituzioni ad ogni livello. Nei casi più eclatanti diventati di dominio pubblico, l’epilogo, diversamente dalle nostre abitudini italiane, spesso coincide con delle punizioni esemplari: dall’estromissione dalle cariche pubbliche si può passare facilmente, come per lo scandalo Sanlu del latte in polvere avvelenato, alla pena di morte. In Cina, un Berlusconi qualsiasi sarebbe stato silurato anni fa. Per questo, la cronaca del 5 dicembre si presta a paragoni tra politici cinesi ed italiani arricchita di molti dettagli.
Tranne uno.
Il ruolo di internet nell’organizzazione della manifestazione è stato completamente censurato. L’elemento di novità principale, la prima mobilitazione popolare imponente organizzata interamente in rete, non ha trovato spazio in nessun resoconto sulla stampa cinese.
L’esempio italiano, il trasferimento del dissenso dalla virtualità di Facebook alla dimostrazione di piazza, è l’incubo del Partito Comunista Cinese. Oggi, con oltre 350 milioni di utenti online, una nuova Tiananmen invocata da Twitter significherebbe per il governo una crisi senza precedenti.
Meno di un mese fa, Obama auspicava una maggiore libertà dei nuovi media cinesi. La risposta non si è fatta attendere.
L’8 dicembre, le autorità governative hanno chiuso BTchina, il principale portale BitTorrent per scambio file della Repubblica Popolare, giustificando il procedimento come l’inizio di una nuova politica a difesa dei copyright (concetto molto vago per l’economia cinese).
Solo una settimana prima, Yeyaan.com, sito partner del quotidiano The Guardian che traduceva in cinese le principali notizie provenienti da giornali anglofoni, è stato oscurato, mentre è stata istituita una linea telefonica dedicata, ufficialmente, alle segnalazioni da parte degli utenti di siti contenenti materiale pornografico. I buoni cittadini che collaboreranno col governo potranno guadagnare fino a diecimila yuan, poco meno di 1500 dollari.
Il nuovo corso del controllo della rete in Cina si può ben comprendere dalle parole di Tuo Zuhai, funzionario del ministero della Cultura: “La comunità della rete è diventata una parte importante della società – ha dichiarato Tuo –  ed è necessario garantire l’ordine anche in rete. Per questo il governo sta preparando alcune leggi”.
Ufficialmente dichiarando guerra al mercato del porno ed all’eccessiva violenza nei giochi online, popolarissimi tra i giovani cinesi, il governo sta pensando di obbligare gli utenti ad utilizzare il proprio nome e cognome anche nelle attività in rete: abolendo i nickname, gli internauti cinesi potranno dire addio definitivamente alla loro privacy.
Inoltre, sembra che i legislatori cinesi stiano approntando un pacchetto di nuove norme inerenti la proprietà virtuale in internet, la difesa del copyright intellettuale sui dati presenti in rete, la valutazione dei contenuti dei siti internet e la prevenzione alla dipendenza da giochi online.
La nuova campagna culturale è iniziata: la demonizzazione di internet come luogo di perdizione ed impuro, un far west digitale lontano dal controllo del governo dove la troppa libertà dà adito ad attività illegali di ogni sorta, dalla pornografia al mercato parallelo dei crediti virtuali per i giochi online, giustificherà la mano pesante delle istituzioni che si apprestano all’ennesima sospensione delle libertà.
La Cina è una costante palestra di censura 2.0 e soft-control. Tecniche, ricordiamolo, facilmente esportabili ed adattabili.
Per qualcuno in occidente, la tentazione potrebbe essere grande.

11 dicembre 2009, aggiornamento:
La censura non è totale, Arinna mi ha segnalato che in un giornale in lingua cinese si è parlato anche del ruolo di internet nella manifestazione. Si tratta di un sito internet con sede negli Stati Uniti, 6park.com, dove è possibile trovare il testo (in cinese) della cronaca fedele: http://www.6park.com/news/messages/50793.html
Grazie ad Arinna per la segnalazione.

10 commenti

Archiviato in Cineserie

Obama parla di libertà ai giovani cinesi: tecniche e stratagemmi per un dibattito velenoso

Molti speravano in un exploit storico come all’Università del Cairo, una prova oratoria trascinante, una di quelle che oramai da Obama non ci si aspettano più, ma si pretendono. Ma alla Fudan University di Shanghai, durante l’incontro del presidente americano coi giovani studenti cinesi, si è giocata una partita d’astuzia di una sottigliezza rara. Per capirlo, occorre leggere la trascrizione del discorso di Obama e del botta e risposta con gli studenti degli atenei di Shanghai, selezionati accuratamente tra i componenti della China Youth League, associazione studentesca (l’unica) emanazione diretta del PCC presente in ogni università cinese.
Qui trovate il testo in inglese, mentre questa è una delle moltissime pagine in cinese che riportano fedelmente il contenuto dell’incontro.
In concomitanza col “town hall meeting” all’americana, esperienza inedita per la popolazione cinese, solo alcuni canali locali hanno mandato in onda lo scambio di battute; nessun canale nazionale ha trasmesso la diretta dell’evento, mentre su internet solamente il sito della Casa Bianca dava la possibilità di seguire l’incontro all’università di Shanghai, disponibile addirittura su Facebook (che però, in Cina, è costantemente oscurato).
Dopo il discorso di apertura di Obama, alternanza di lodi al progresso ed alla storia millenaria cinese e riferimenti poco velati all’universalità dei diritti di libertà d’espressione e d’informazione, è iniziato il giro di domande: alcune fatte dagli studenti presenti, altre arrivate da internet e selezionate dalle autorità cinesi, una sola selezionata dal sito dell’ambasciata americana in Cina, che per l’occasione ha raccolto le domande degli internauti cinesi.
Le domande degli studenti, come prevedibile, spaziavano tra argomenti poco scottanti: i rapporti tra Chicago e Shanghai, le impressioni sulla Cina ed il Nobel per la pace. Ben diverse dalla domanda proveniente da “qualcuno da Taiwan”, selezionata dalle autorità cinesi:

“Vengo da Taiwan e faccio affari con l’entroterra (ndr, la Repubblica Popolare Cinese). Grazie al miglioramento dei rapporti tra le due parti dello stretto di Taiwan degli ultimi anni, i miei affari stanno andando molto bene. Ma quando sento che alcuni, in America, vorrebbero continuare a vendere armamenti a Taiwan, non posso non preoccuparmi. Ne risentirebbero molto le buone relazioni con l’entroterra. Lei supporta lo sforzo di migliorare i rapporti tra l’isola di Taiwan e l’entroterra? “(Applausi in sala)

Vicenda spinosa che però non ha sorpreso Obama, rifugiatosi sapientemente nell’appoggiare la politica di un’unica Cina fortemente voluta dalla Repubblica Popolare, che ancora considera lo stato di Taiwan come una regione integrante della Repubblica, temporaneamente ribelle.
Pochi minuti dopo, il presidente americano chiede all’ambasciatore Jon Huntsman, presente in sala, di leggere una delle domande dal sito dell’ambasciata: la famosa domanda sul firewall e sulla libertà di utilizzare twitter (che nel sondaggio sul sito dell’ambasciata ha raccolto oltre il 75% delle preferenze).
Obama si fa la domanda e si da la risposta, trovando lo stratagemma per parlare di libertà di informazione, di critica e di internet utilizzando la stessa tecnica adottata dall’establishment politico cinese: domanda anonima su argomento controverso.
Un piccolo gesto che non è passato inosservato. Così commenta infatti un twitterer cinese:
“I will not forget this morning, I heard, on my shaky Internet connection, a question about our own freedom which only a foreign leader can discuss.”

Forse, i giovani cinesi non allineati al partito da oggi si sentono un po’ meno soli. Sarà la luce alla fine del tunnel?

2 commenti

Archiviato in Cineserie

L’importanza di chiamarsi…Oubama

La traduzione in ideogrammi del nome di Barak Obama ha sollevato un piccolo fraintendimento tra le autorità cinesi e l’ambasciata americana: sembrerà questione secondaria, ma la trascrizione dei nostri nomi occidentali è una pratica da non sottovalutare.
Il sistema di scrittura cinese, detto molto sinteticamente, è composto da ideogrammi che immediatamente esprimono due valori: suono e significato. E fin qui, nulla di terribile.
L’aspetto diabolico, incubo di ogni studente di cinese durante i primi mesi di apprendimento, consiste nel fatto che suono e significato sono completamente slegati. Mi spiego: se volessimo scrivere un ideogramma che corrisponde al nostro suono “ma”, la lingua cinese ci offre più di 30 possibilità, ognuna delle quali con un significato completamente diverso: da cavallo a madre, per capirsi.
La politica di trascrizione adottata dalle istituzioni cinesi per i nomi propri e i nomi di brand commerciali premia il suono a discapito del significato: si cercherà quindi di trovare la combinazione di ideogrammi che, letta in sequenza, possa avvicinarsi di più al suono del nome nella lingua di partenza.  Per questo, Clinton e Kissinger sono conosciuti in Cina, rispettivamente, come Kelindun (克林顿) e Jixinge (基辛格), mentre noi italiani viviamo, secondo i cinesi, nel paese dell’ingegno e dei grandi benefici, cioè in Yidali (意大利).
La scelta di un nome accattivante e positivo ha significato in passato il successo o il disastro delle multinazionali occidentali sbarcate sul mercato cinese. Non è un caso quindi che la Coca Cola in Cina sia la Kekoukele  (可口可乐 ovvero molto piacevole al gusto), o che la catena di supermercati più diffusa, la francese Carrefour, in realtà sia la casa della ricchezza e della felicità (traduzione di Jialefu, 家乐福).
L’agenzia di stampa Xinhua archivia ogni traslitterazione ufficiale in uso nella Repubblica Popolare, e Obama è sempre stato tradotto con Aobama (奥巴马), dove la prima sillaba Ao  significa misterioso, astruso, difficile da comprendere; non proprio il biglietto da visita che un grande comunicatore vorrebbe utilizzare.
L’ambasciata americana in Cina ha iniziato invece ad adottare, proprio a ridosso della visita cinese del presidente, la traslitterazione Oubama (欧巴马), sostituendo al senso di mistero e confusione espresso da Ao, il primo ideogramma di Ouzhou (欧洲), ovvero Europa: ufficialmente, il cambio di ideogramma è stato giustificato dalla maggiore somiglianza con la pronuncia americana di Obama, ma è certo che affibiare al cognome del presidente l’esotismo e il desiderio di libertà che ancora oggi il nostro continente suscita nei cinesi abbia comunque avuto nella piccola evoluzione linguistica il suo discreto peso.
Non sappiamo se la nuova dicitura sarà ufficializzata dalle istituzioni di Pechino, ma certamente Obama, già dal suo nuovo nome, vorrà parlare ai cinesi nel modo più chiaro possibile.

4 commenti

Archiviato in Cineserie

Il compagno Oba-Mao

“Queste magliette non si devono vendere”. Il diktat da Pechino è arrivato forte e chiaro a tutte le miriadi di bancarelle sparse per il territorio cinese, e così le magliette culto di Oba-Mao sono temporaneamente finite in magazzino, evitando al presidente americano l’imbarazzo di essere additato tra le schiere dei comunisti dai soliti nostalgici del maccartismo repubblicano.
Barak Obama atterrerà a Shanghai il prossimo 15 novembre, iniziando la sua prima visita diplomatica nella Repubblica Popolare; una serie di incontri istituzionali da intraprendere con la massima prudenza. Si parlerà di crisi economica e ripresa, politica monetaria (dollaro troppo instabile per i cinesi, yuan troppo svalutato per gli americani), emissioni di Co2 e cambiamenti climatici, forse addirittura di un coinvolgimento maggiore dell’esercito cinese in Afghanistan; militarizzato dai marines ma economicamente colonizzato dalla lunga mano del CIC (China Investment Corporation, fondo di investimento statale controllato dal PCC), che si sta lentamente appropriando dei maggiori giacimenti di ferro e gas naturale della zona.
Con queste premesse, la scelta di non ricevere il Dalai Lama durante il suo recente viaggio negli USA assume dei tratti molto più responsabili di quelli che i detrattori di Obama dell’ultima ora hanno voluto sottolineare.
Lasciare alla porta Sua Santità  e strizzare l’occhiolino ai governanti cinesi ha trasformato l’attesa del presidente americano in un entusiastico countdown carico di speranza: mentre gli apparati delle due potenze cercheranno di risolvere le diatribe economiche e di carattere internazionale, l’opinione pubblica cinese vede in Obama la possibilità di un interlocutore che possa portare la Cina verso un’apertura democratica.
Una sorta di nuovo rivoluzionario, anche per questo declinato nella sua versione maoista sulle magliette: perchè ancora oggi la figura di Mao Zedong, per molti cinesi, rappresenta non il dittatore sanguinario della Rivoluzione Culturale o l’utopistico visionario del Grande Balzo in Avanti, ma il liberatore delle masse contadine della guerra civile, il leader della ciotola di riso per tutti.
A noi europei tutto ciò sembrerà strano, ma il riciclaggio storico attuato da Deng Xiaoping nei primi anni ottanta, quello del Mao al 70% buono ed al 30% cattivo per intendersi, ancora gode di parecchi consensi tra la popolazione. Il ritratto di Mao in piazza Tian an men, a 20 anni dalla strage, ne è la prova.
Non è da escludere infatti che Obama, cavalcando il consenso e l’entusiasmo popolare del quale gode in Cina, possa sollevare degli argomenti non previsti da Hu Jintao o Wen Jiabao: “Ci sono stati alcuni casi lampanti di violazione dei diritti umani – ha dichiarato Wen Yunchao dopo aver vinto il premio di Twitterer dell’anno assegnato durante la quinta conferenza dei blogger cinesi – e spero che Obama a questo riguardo dimostri le sue preoccupazioni. Inoltre, si ricordi di chiedere ad Hu Jintao di abbattere il Grande Firewall che ostacola la nostra libertà di opinione”.
Come i loro genitori riponevano le speranze in Gorbaciov, i giovani cinesi di oggi sperano in un nuovo rivoluzionario straniero che li possa aiutare.
Questa volta a stelle strisce. E nero.

2 commenti

Archiviato in Cineserie