Visto


La sede dell’ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Roma è in via Bruxelles, quartiere Salario, uno dei più signorili della capitale, sede di avvocati (non i migliori, quelli stanno o ai Parioli o nel Partito delle Libertà), medici e dentisti.
Non ero mai stato di persona in un’ambasciata e chissà perchè me lo immaginavo un luogo sul serioso andante, con portineria ed uffici vari dove essere indirizzati da simpatiche cinesi in divisa da impiegata, magari con la bandierina della Cina cucita sul petto e riproduzioni di tele ed arazzi appesi ai muri; niente di tutto ciò.

L’ambasciata Cinese si trova in un palazzo meno bello degli altri, ad occhio e croce della triste architettura anni ’60 che all’epoca faceva “moderno” ma oggi, in mezzo a palazzi ben più antichi, fa solo “triste architettura anni ’60”, in cima ha un’enorme antenna e le mura che separano la strada dall’interno sono alte e senza aperture, il giardino dentro non si vede.
Si entra da una porticina in metallo integrata nel cancello (chiuso) e dopo un paio di metri di corridoio da percorrere in fila indiana si apre una stanza: la luce è debole, in parte per la pessima giornata, in parte per la scarsa illuminazione dovuta alle finestre situate nella parte alta della parete frontale.
Sul lato sinistro ci sono alcune seggioline di plastica, di quelle attaccate a gruppi di 4 o 5 alla base di metallo; di fronte ci sono due sportelli con vetro plastificato tra chi è in coda (alle 10 di mattina solo cinesi) e chi lavora: l’atmosfera ricorda molto la questura di Vigevano e, se ci fossero stati due schermi sfondo nero testo verde coi risultati di calcio e di ippica e una decina di vecchietti a fumare, l’effetto sarebbe stato identico a quello delle vecchie ricevitorie SNAI prima della legge Sirchia.

Un foglio stampato dal PC recita “Richiesta Visto” e una freccia indica un altro corridoio identico al primo a fianco degli sportelli che porta nell’altra stanza, speculare alla prima, dove fanno la coda solo non-cinesi: riconosco, origliando, un qualche tipo di diplomatico in avanscoperta per la delegazione olimpica, un trentenne beneventano copyrighter e un signore distinto sulla sessantina, ex impiegato al consolato cinese ed ora consulente, che per un urgenza deve andare a Shanghai quattro giorni; dice che a Shanghai causa neve sono saltate le comunicazioni telematiche, e noi studenti in quasi partenza ridacchiamo pensando al nostro soggiorno a Pechino, più vicina al parallelo di Vladivostok che a quello di Shanghai.

Consegnamo tutto il necessario alla giovane cinese oltre il vetro plastificato che, staccato un fogliettino da un blocchettino rosa, ci dice di tornare a riprendere tutto il 13 Febbraio.
Oggi sento davvero di aver iniziato i preparativi per il viaggio.
Rileggo la fotocopia della richiesta di visto che mi sono fatto prima di consegnarlo all’ambasciata (una di quelle cose che si fanno perchè “non si sa mai”):

3.1 La tua richiesta per il visto cinese è stata mai rifiutata? (No)
3.2 Hai avuto esperienza del rifiuto dell’entrata in Cina o dell’espulsione? (No)
3.3 Hai avuto qualche registrazione criminale in Cina o in altri paesi? (No)
3.4 Soffri una delle malattie seguenti? Malattia Mentale, Malattie Veneree, Lebbra, Open Tubercolosis, HIV Positive o AIDS, Altre Malattie infettive? (No)

La selezione “Si” sulle questioni dalla 3.1 alla 3.4 non significa che hai perso la eleggibilità della richiesta del visto. Si prega di offrire una spiegazione dettagliata

Penso che se mai avessi dovuto selezionare “Si” in una qualsiasi delle questioni, la Cina sarebbe stato l’ultimo paese sulla Terra dove avrei voluto trovarmi per dare “spiegazioni dettagliate”.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Cineserie

2 risposte a “Visto

  1. Ti dirò, non è molto diverso dal modulo che si compilava fino a poco tempo fa in aereo come visa waiver per chi non aveva il visto per entrare negli USA, a scopo turistico per esempio. Quella carina era la domanda sugli esplosivi, ti chiedeva se avevi esplosivi o armi nel tuo bagaglio. Il bello era che alla fine delle domende intelligenti dicevano qualcosa del tipo “if you answered ‘yes’ to any of the above questions you may be denied access into the United States of America”.
    Che poi è sempre meglio che dover dare una spiegazione dettagliata ai cinesi, forse ;-))

  2. Questo è nulla rispetto a quello che ti aspetta alla BEIWAI! (sempre che le cose non siano cambiate!)… Ricordo l’anno scorso, dopo lo sbarco aereo, ed il “pulmino” che ci venne a prendere ci portarono a questa bellissima “facoltà”… Ci lasciarano davanti al Building…forse 1 (non ricordo il numero…). Giornata particolarmente buia e piovosa, i nostri bagagli, sbarcati e sistemati come noi sulle scale attendevano intrepidi di ricevere dovuta sistemazione, mha…… E’ lì che cominciò il calvario del gruppo dei 12 (prima dei 6!). “Fummo iniziati” ad una specie di caccia al tesoro, non era difficile dovevamo seguire i numeri da 1 a 7 per registrarci… La cosa non sembrava difficile, se non fossimo appena atterrati, molto stanchi e particolarmente bagnati vista la pioggia. Insomma, cominciamo questa maratona, fino al numero 5 tutto bene, al numero 6 cominciano i guai : meiyou fangjian (non ci sono stanze)… “non ci sono stanze???”. La faccio breve…le stanza c’erano, ma senza bagno in camera e tutte doppie!!!
    Per farla ancora più breve il gruppo dei 12 ha dormito 3 mesi in albergooooooo!!!!
    La Beiwai però è una bella facoltà!!
    Mi auguro che voi non incappiate in tutto ciò!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...